la camera di valentina

Suzanne Ballivet – Erotica dimentica

Più che “dimentica” sarebbe più opportuno scrivere “dimenticata”, dato che si tratta di questo – ma non faceva assonanza sonora. Suzanne Ballivet è stata illustratrice, disegnatrice, pittrice erotica. Oggi scopriamo qualcosa di lei.

la camera di valentina
Suzanne Ballivet, portrait 1931 lokko.fr

Cenni storici

Suzanne Ballivet (1904 – 1985) è stata una illustratrice, pittrice e designer di costumi. È nata a Parigi, città nella quale ha vissuto per un breve periodo, ma la maggior parte della sua vita l’ha passata a Montpellier, nel sud della Francia, dove suo padre fotografo lavorava e dove ha frequentato il liceo. Lì, nel 1923, ha iniziato gli studi all’Accademia di Belle Arti e ha conosciuto coloro che diventeranno i suoi mariti – non contemporaneamente, il poliamore ancora non era contemplato: Camille Descossy, pittore, prima e Albert Dubout, illustratore, dopo.

Gli anni ‘30 e ‘40 sono quelli della sua carriera di illustratrice erotica. Tramite Albert Dubout, già illustratore satirico affermato, entra in contatto con Colette, Marcel Pagnol – con il quale manterrà una lunga collaborazione -, Pierre Louys; ma illustrerà anche Baudelaire, “La Venere in Pelliccia” di Sacher- Masoch e il celebre romanzo “initiation amoureuse” di anonima penna.

Varietà di tecniche e di storie

La produzione di Suzanne Ballivet, scoprendola – potendola scoprire – è ricchissima. Matite, acquerelli, litografie e ovviamente le pitture rientrano nel suo ventaglio di abilità; la sua conoscenza dell’anatomia umana non è data solo dalla sua frequentazione delle Belle Arti, ma anche dai disegni che lei faceva, per racimolare qualche soldo, alla facoltà di medicina; la sua bravura nel rendere i dettagli dei tessuti risale ai suoi lavori di design dei costumi per la compagnia teatrale dell’amico Jean Catel.

Ha illustrato per moltissimi romanzi e racconti e non è difficile nell’internet, a dire il vero, trovare pubblicazioni con le sue opere. Ebay, amazon e anche IBS vendono le edizioni, soprattutto di Marcel Pagnol, con le illustrazioni di Ballivet. Il problema è che, per scoprire qualcosa della sua vita e delle sue opere, serve recuperare ciò che è stato raccontato di lei (vedi le fonti alla fine dell’articolo).

Una donna pornografa è una donna da dimenticare

[…] In questa collezione di racconti erotici, scrivevo per divertire, sotto pressione da parte di un cliente che mi chiedeva di “lasciar perdere la poesia”. E così mi pareva che il mio stile fosse un prodotto della lettura dei lavori maschili […]. Alla fine decisi di permettere la pubblicazione dei racconti perché mostrano i primi sforzi di una donna in un mondo che è stato di esclusivo dominio maschile. […]

Prefazione di “Il Delta Di Venere”, Anais Nin, Bompiani edizioni

Suzanne Ballivet si colloca, con la sua opera, in quella bolla neutra che è “l’arte erotica” di un tempo, definita tale ai nostri giorni, ma che altro non era che esplicita pornografia e che per pudore odierno ci premuriamo di distinguere, così da poter gerarchizzare in termini di dignità.

Ciò significa principalmente due cose: a parte le pubblicazioni più celebri che sono state citate, tutto il resto è roba da collezionisti privati e “cabinets de curiosité”, quindi lavori non propriamente pensati per un pubblico (di conseguenza neanche per la stampa e dunque per una diffusione mediatica che porti alla celebrità); inoltre, come tutti i domini creativi, anche quello dell’erotismo era appannaggio maschile: i committenti sono uomini di potere che commissionano un immaginario a uomini d’arte (vi ricordate la storia di Khalil Bey e Gustave Courbet?), chi prenderebbe sul serio una donna?

Suzanne Ballivet, nonostante la carriera assolutamente prolifica, si ritrova inghiottita dalle spire della storia che racconta l’uomo per l’uomo e dimentica il resto.

Crono-erotica di Suzanne Ballivet

la camera di valentina
Suzanne Ballivet, les chansons de Bilitis. 1943 honesterotica.com

Il che è veramente un peccato: il suo lavoro non è affatto scontato. Per Pierre Louys ha illustrato “Les chansons de Bilitis” (i canti di Bilitis), 1943, una raccolta di poesie saffiche erotiche, per le quali il sesso tra donne è stato ritratto con altrettanta gioia, malizia e curiosità di qualunque altra scena eterosessuale. 
Questa è stata la serie che ha fatto da apripista al suo lavoro erotico.

la camera di valentina
Suzanne Ballivet, Poésies Libres, 1948 honesterotica.com

Per le pubblicazioni postume di Apollinaire, in particolare “poésies libres” (poesie libere – esplicite, in questo caso -),1948, Ballivet ha illustrato quattro tavole che aprono ai versi del poeta moderno, morto nel 1918. I vestiti sfarzosi, i culi rotondi e i cazzi eretti raccontano un immaginario molto comune tra gli altolocati: il sesso giocoso, quasi sempre rubato ad altre faccende domestiche, delle persone aristocratiche . C’è sempre un’aria di festa, ma a differenza di scene erotiche ed intime volte a “iniziare all’amore”, questo tipo di porno non solo regalava la realtà del sesso, ma anche la fantasia di passioni irruente e voyeristiche.

la camera di valentina
Suzanne Ballivet, Iniziation amoreuse, 1950 honesterotica.com

“Initiation amoureuse” (iniziazioni all’amore), 1950. è il ri-titolaggio di “prélude charnel” (preludio carnale) ed è probabilmente l’opera più “celebre” e sentita di Suzanne Ballivet. Nel periodo della commissione di queste tavole lei stava frequentando Albert Dubout, colui che sarebbe diventato suo marito, ed è possibile che queste scene erotiche altro non fossero che la testimonianza della loro passione ed esplorazione sessuale. Spesso le donne rappresentate sono vestite da matrimonio e le reciproche attenzioni sessuali sono sempre immerse in un’atmosfera intima e romantica.


Per vie del tutto misteriose – o non proprio del tutto – Suzanne Ballivet è scomparsa non tanto dai libri di storia – l’arte erotica non si trova nei libri di storia -, ma dalla memoria tutta. Io ho iniziato a curiosare aprendo l’enciclopedia erotica di Döpp e poi ho trovato quel poco che resta nel web, che ovviamente vi lascio a disposizione, mentre qui resto con tante domande.



Fonti:

Erotica Encyclopaedia, Hans Jürgen Döpp

https://honesterotica.com/illustrator/suzanne-ballivet

https://www.lokko.fr/2020/09/17/suzanne-ballivet-une-grande-artiste-dans-lombre-de-dubout/

https://www.stilearte.it/tag/suzanne-ballivet/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...